Psicologia del lavoro

Psicologia del Lavoro

Gli atteggiamenti delle persone influenzano la vita all’interno delle organizzazioni; la cattiva gestione dello stress e delle emozioni, i conflitti relazionali, la scarsa motivazione e un’organizzazione improduttiva contribuiscono a creare un contesto lavorativo negativo, improduttivo e poco soddisfacente per titolari e dipendenti.

Alcune capacità distintive dello psicologo del lavoro e delle organizzazioni:

  • predisposizione all’ascolto attivo: lascia spazio e tempo necessario per raccogliere punti di vista e fatti inerenti alla realtà e ai problemi presentati. Collabora per mezzo di domande mirate a fare chiarezza in merito alla definizione degli obiettivi specifici da perseguire;
  • efficacia comunicativa:  presenta con efficacia i vantaggi e i benefici dei progetti di intervento che intende perseguire. Nel far questo costruisce ciascuna argomentazione al fine di renderla comprensibile nei suoi effetti e nelle sua importanza rispetto al buon funzionamento organizzativo;
  • saper negoziare:  si relaziona costantemente e collabora con altri ruoli professionali che operano nell’organizzazione. Nel far questo si dimostra capace di saper interloquire su aspetti anche non prettamente attinenti alla sua professione, traducendo e negoziando quanto viene suggerito da altri interlocutori in strumenti e azioni proprie dello psicologo del lavoro;
  • saper negoziare:  si relaziona costantemente e collabora con altri ruoli professionali che operano nell’organizzazione. Nel far questo si dimostra capace di saper interloquire su aspetti anche non prettamente attinenti alla sua professione, traducendo e negoziando quanto viene suggerito da altri interlocutori in strumenti e azioni proprie dello psicologo del lavoro;
  • sensibilità interpersonale:  sa leggere le dinamiche relazionali presenti nei contesti in cui lavora sapendo comprendere motivazioni, bisogni e sentimenti dei propri interlocutori con il fine di saper rendere coerenti le proprie azioni con il contesto di riferimento;
  • approccio analitico ai problemi:  utilizza le informazioni raccolte per valutare con spirito critico la rilevanza di ciò che sta avvenendo. Ipotizza nessi di causa-effetto sapendo evidenziare gli aspetti principali in gioco;
  • approccio sistemico:  è consapevole che ogni organizzazione è un sistema “unico”, e che l’intervento su un’area del funzionamento organizzativo produce cambiamenti diretti e indiretti in altre parti dell’organizzazione. Progetta le sue azioni di intervento variando costantemente il suo sguardo. Rispetto agli stessi dati, è capace di utilizzare diverse chiavi di lettura facendo riferimento a diverse teorie e modelli psicologici di intervento;
  • approccio alla pianificazione: sa tradurre l’obiettivo in un piano di azione chiaro e completo in cui contempla tempi e risorse. Definisce gli steps intermedi e monitora le attività valutando le eventuali correzioni.

 

Come può essere utile lo Psicologo del Lavoro nella tua azienda?

Attraverso un’attenta analisi dei bisogni e all’individuazione di punti di forza e debolezza all’interno dell’Azienda, collaboriamo con i titolari ed i dipendenti al fine di trovare insieme una soluzione efficace ed efficiente.

Le principali attività che svolge lo psicologo del lavoro:

  • ricerca e selezione del personale;
  • analisi e progettazione dei ruoli e processi organizzativi;
  • analisi di clima e benessere organizzativo;
  • analisi del fabbisogno formativo, erogazione, progettazione e valutazione della formazione;
  • valutazione del potenziale inespresso del personale;
  • valutazione e sviluppo della performance;
  • valutazione dello stress lavoro-correlato e dei rischi psicosociali;
  • gestione della comunicazione organizzativa;
  • gestione dei conflitti;
  • supporto al raggiungimento di obiettivi individuali e di gruppo;
  • interventi a beneficio qualità della vita lavorativa.

 

Vuoi saperne di più? Contattaci.

Lavoriamo in tutta Italia: ti possiamo elaborare senza impegno un preventivo personalizzato sulla base delle tue esigenze.
E-mail:  hr@studiopsicologiafacci.it